Posta elettronica certificata

Scadenze per l'attivazione del servizio

  • NUOVE SOCIETÀ
    Le nuove imprese che si costituiscono in forma societaria sono tenute a registrare ed indicare il proprio indirizzo PEC Posta Elettronica Certificata contestualmente alla domanda di iscrizione al Registro imprese.
  • SOCIETÀ ESISTENTI
    Le imprese già costituite in forma societaria prima del 28/01/2009, dovranno registrare e comunicare al Registro imprese l'indirizzo PEC Posta Elettronica Certificata entro tre anni dall'entrata in vigore della legge (entro il 28/01/2011).
  • PROFESSIONISTI
    I professionisti iscritti in albi ed elenchi istituiti con legge dello Stato sono tenuti a registrare e comunicare ai rispettivi Ordini o Collegi, il proprio indirizzo PEC Posta Elettronica Certificata entro un anno dall'entrata in vigore della legge (entro il 28/01/2010).

Che cos'è

La posta elettronica certificata (PEC) è uno strumento che permette di dare, ad un messaggio di posta elettronica, lo stesso valore di una raccomandata con avviso di ricezione tradizionale.

Funzionamento

Non ha valore legale l'invio di una e-mail PEC certificata, ad un indirizzo e-mail non certificato.
Per ottenere le ricevute di invio e di ricezione e-mail valide ai fini di legge, l'invio di messaggi PEC Posta Elettronica Certificata deve avvenire solamente tra due o più indirizzi e-mail PEC, in altre parole, indirizzi e-mail il cui dominio sia stato certificato da un gestore autorizzato PEC. La e-mail PEC del mittente passa tramite il gestore PEC (gestore del dominio certificato mittente) fase chiamata "punto di accesso", che la racchiude in una "busta di trasporto" applicando una "firma elettronica" in modo da registrare l'invio, garantirne inalterabilità e provenienza. Sucessivamente il messaggio PEC viene inviato al gestore PEC del destinatario (gestore del dominio certificato destinatario) che verifica la "firma elettronica" e lo consegna al destinatario, fase chiamata "punto di consegna", che invia una ricevuta elettronica di "avvenuta consegna" al mittente, certificando elettronicamente l'avvenuta consegna e-mail con data e ora. Le ricevute saranno conservate per legge dai gestori PEC per un periodo di 30 mesi, nel caso il mittente smarrisca le ricevute, le stesse potranno essere riprodotte dal gestore PEC con lo stesso valore giuridico, del documento smarrito.
Protezione da virus: i gestori sono tenuti a verificare l'eventuale presenza di virus nelle e-mail ed informare in caso positivo il mittente, bloccandone la trasmissione (art. 12).

Vantaggi

  • Ogni formato digitale può essere inviato tramite posta elettronica certificata;
  • I messaggi possono essere consultati da ogni computer connesso a internet;
  • Certificazione degli allegati al messaggio;
  • L'avvenuta consegna della mail viene garantita, nel caso non sia possibile consegnare il messaggio l'utente viene informato;
  • I messaggi hanno validità legale;
  • Tracciabilità della casella mittente e conseguentemente del suo titolare;
  • Vi è certezza sulla destinazione dei messaggi;
  • L'invio dei messaggi può avere costi inferiori a quello delle raccomandate. Per una giusta valutazione deve essere preso in considerazione il costo di invio di una raccomandata cartacea tradizionale, che cresce in funzione del numero di pagine e del peso del plico, e il numero di comunicazioni inviate annualmente. Queste informazioni devono poi essere comparate con le tariffe del gestore PEC, che solitamente rende disponibile una casella PEC con un costo calcolato su base annuale. Solitamente una volta pagato il canone annuale l'utente può inviare un numero illimitato di messaggi PEC;
  • Elevati requisiti di qualità e continuità del servizio. Gli SLA di legge prevedono una disponibilità del servizio del 99.8% su base quadrimestrale;
  • Obbligo da parte del gestore di archiviare tutti gli eventi associati ad invii e ricezioni di messaggi PEC, per un periodo di trenta mesi;
  • Obbligo da parte del gestore di applicare le procedure atte a garantire la privacy dei dati personali e la sicurezza della comunicazione.
  • In seguito alle verifiche effettuate in virtù della Circolare 7 dicembre 2006, n. 51, illustrate nel paragrafo "Il quadro normativo di riferimento", i servizi di posta elettronica certificata resi disponibili dai gestori iscritti nell'elenco pubblico risultano interoperabili. Questo significa, ed è un presupposto della PEC, che due utenti appartenenti a differenti gestori possono scambiare e-mail certificate con le stesse garanzie di due utenti appartenenti allo stesso gestore.
Copyright © 2000-2017 by RES NOVAE